LA COOPERAZIONE PER LA PACE DIGNITÀ PER TUTTI

Spunti dal Convegno di Roma sul tema “La cooperazione per la pace e dignità per tutti”
ETICA & SOCIETÀ
UPF e WFWP Italia hanno organizzato un convegno nazionale che anche quest’anno, come ormai è tradizione, si inserisce nell’ambito della celebrazione della “GIORNATA INTERNAZIONALE PER LA PACE”, proclamata dalle Nazioni Unite. Il Convegno si è tenuto presso la FONDAZIONE DELLE FAMIGLIE PER LA PACE MONDIALE E L’UNIFICAZIONE – Roma – sabato 1 ottobre 2016. Il programma si è sviluppato con due diverse sessioni; la prima, nella mattinata, è stata dedicata all’area economica con la presenza di autorevoli relatori confrontarsi sul tema: “Modelli Economici e Dignità Umana”. La seconda sessione, nel pomeriggio, è stata invece dedicata all’area interreligiosa con il tema: “Pace e Cooperazione Interreligiosa”; anche questa sessione ha visto la presenza di autorevoli esponenti delle diverse fedi. Sia il tema generale che il focus delle due sessioni scaturiscono dalla volontà di individuare, con un approccio di maggiore concretezza, modelli possibili che possano generare una volontà ed una progettualità di economia sociale e politica che possano, nel tempo, contribuire a realizzare via via per ogni essere umano il senso della propria dignità, del proprio ruolo e del proprio valore. Tutto questo supportato da un forte contributo delle diverse fedi di cooperare per costruire insieme integrazione e coesione sociale a livelli più ampi. I relatori della sessione mattutina erano Giuseppe Calì, Presidente Onorario UPF, che ha relazionato sulla visione di Pace dell’UPF.
Maria Grazia De Angelis, Presidente AISLO, ha parlato su “La cultura del benessere promuove la cultura della pace” (relazione a lato su questo numero). Evaldo Cavallaro, direttore CIPIA, ha analizzato il tema “Nuovi scenari della Cooperazione allo Sviluppo e Microcredito” (relazione a lato su questo numero). Infine Stefano Bartolini, Docente di Economia Politica ed Economia Sociale – Università di Siena, ha parlato di come passare dalla società del ben-avere a quella del ben-essere (breve estratto a lato). Nella sessione pomeridiana su “Pace e Cooperazione Interreligiosa” sono intervenute Elisabetta Nistri, Presidente WFWP (Federazione delle Donne per la Pace); Raffaella Di Marzio, Direttivo società italiana di psicologia della religione ed esperta accreditata presso la ONG Human Rights Without Frontiers; Dora Bognandi, Presidente Fdei, Federazione Donne Evangeliche in Italia;Benedetta Fraioli e Don Luigi Territo rappresentanti del Centro Astalli, Fondazione dei Gesuiti per gli immigrati e dialogo interreligioso. Infine ha concluso i lavori Carlo Zonato, Presidente UPF Italia. Si è discusso su spiritualità, formazione ed informazione: come individuare valori e principi comuni che possano costituire le fondamenta di una struttura sociale coesa, forte e sana. Tutto ciò per poter arginare o prevenire i pesanti egoismi e le conflittualità che ancora sono davanti ai nostri occhi e che sfociano spesso in situazioni drammatiche. Indispensabile per questo processo è la cooperazione interreligiosa: le religioni devono ritrovare l’essenza della loro missione, che è per tutte – pur nelle diversità che le contraddistinguono – ristabilire la relazione essenziale dell’uomo con Dio, nostra comune origine, e tra tutti noi.

img_2208

img_2224

img_2247

img_2257

img_2261

img_2276

img_2284

img_2290

img_2295-1

img_2295

img_2321

img_2362

img_2377

img_2381

img_2388

img_2394

img_2409

img_2420

img_2472

img_2474

img_2485

img_2487

Lascia un commento